Tarvis, Udine and online

Mon - Fri 8.00 - 20.00

 

Blog

Ajna. Sixth Chakra. Third Eye. Mountain.

Ajna: la sede della saggezza. Il terzo occhio, o occhio della mente, centro di comando del corpo sottile. Amministra i cinque sensi, conscio ed inconscio, regola i chakra e i canali energetici.

Ajna forma la congiunzione finale dei canali di energia delle 3 Nadi principali: Ida (sinistra), Pingala (destra), i quali terminano qui (al di sopra e al centro delle sopracciglia), mentre la Sushumna continua fino al chakra della corona (settimo).

Ajna è chiamato anche jnana-padma: loto che conferisce conoscenza.

Nel gruppo di Meditazione dinamica di Tarvisio e nel gruppo di Meditazione integrale di Udine verranno eseguite tecniche meditative che infondono saggezza, lucidità, intuito; per iniziare ad avere una visione più ampia della vita.

Ajna, sede della saggezza, dell’intelligenza emotiva, della razionalità e della percezione della realtà, governa mente e senso del sé. E’ il chakra che più di ogni altro ha effetti potenti sulla personalità. Facoltà spirituali legate a questo chakra sono: meditazione indisturbata, perfetta concentrazione, controllo del pensiero, samadhi o stato di super coscienza, raggiungimento dell’illuminazione.

Se il sesto chakra è aperto ed equilibrato, riuscite a percepire non solo la realtà duale, ma anche tutto ciò che va oltre il primo sensoriale (grande intuito, percezione psichica). Ida e pignola soo vincolati al presente; incontrandosi qui si entra in un regno temporale, dove si può imparare dal passato, riconoscere i processi presenti e lavorare sul futuro.

Se l’energia è carente può darsi che manchiate di disciplina, di memoria, può darsi che temiate il successo, non riusciate a comunicare e non percepiate i segnali sottili. Se l’energia è eccessiva, potrebbe essere difficile sintonizzarsi con proprio intuito: persone con energia mentale alta e poca energia di cuore (tutte le energie dei chakra inferiori sono state fatte andare verso l’alto, il che è dannoso perché Ajna ha bisogno di avere sotto di sé il supporto stabile dei chakra inferiori).

Lavorare sul sesto chakra aiuta ad equilibrare i chakra inferiori: per questo certi yogi cominciano proprio da lì.

Nel corpo fisico governa occhi, orecchie, naso, base del cranio. Squilibri si presentano quindi con problemi alla vista, mal di testa, emicranie, capogiri, confusione, poca memoria, insonnia, sinusite acuta.

Lavorando su Ajna si aumenta l’intuito, ottenendo una più chiara visione del proprio intento, si aumenta la creatività, il pensiero simbolico e si guarda il mondo in maniere sempre nuove. Questo per spezzare rudra granthi, nodo energetico che resta chiuso finché si resta vincolati al solo potere intellettuale e all’immagine che ci si è fatti di se stessi.

Il lavoro sul sesto chakra consente di farci percepire come le principali correnti del nostro corpo energetico confluiscano qui. Integrare quindi energie complementari di corpo e mente in una fusione simboleggiata dalla divinità indiana Ardhanarishwara, metà uomo e metà donna, rappresenta l’unione delle qualità opposte delle Nadi principali.

Qualità delle Nadi fondamentali

IDA: Lato sinistro del corpo – Parte destra del cervello – Simboleggiata dalla Luna e dalla dea Shakti

Femminile, Fredda, Attiva, Yin, Calmante, Orientata verso l’interno, Olistica, Emotiva, Soggettiva, Non verbale, Spaziale, Simultanea, Intuitiva

PINGALA: Lato destro del corpo – Parte sinistra del cervello – Simboleggiata dal Sole e dal Dio Shiva

Maschile, Calda, Passiva, Yang, Eccitante, Orientata verso l’esterno, Analitica, Razionale, Oggettiva, Matematica, Verbale, Sequenziale, Logica

Strumenti di lavoro per il sesto chakra

  • Essenze floreali: Clematis, Clary Sage, Petunia
  • Oli essenziali: Limone, Ginepro, Rosmarino, Sandalo, Lavanda
  • Cristalli, Gemme, Pietre: Ametista, Occhio di Gatto o Tigre, Turchese
  • Incensi: Resina di Incenso o Legno di Saldalo
  • Digiuno bevendo solo acqua per un giorno (se difficile assumere anche succhi di frutta o frutti succosi).

Quando le onde dei pensieri vengono fermate, il veggente sperimenta il proprio vero splendore (Patanjali, Yoga Sutras)

studioparvati

No Comments

Leave a reply